NEWS

19feb 2021

VOUCHER PER L’EXPORT: dal 9 marzo è possibile inviare la domanda

Dal 9 marzo 2021 le PMI potranno richiedere un contributo fino a 30 mila euro per consulenze realizzate, in azienda da “Temporary Export Manager” (TEM) con competenze digitali.

L'agevolazione è concessa sotto forma di voucher e finanzia le spese sostenute per inserire i manager in azienda con un contratto di consulenza della durata di 12 mesi per le micro e piccole imprese e di 24 mesi per le reti.

L'attività deve essere finalizzata a supportare i processi di internazionalizzazione attraverso analisi e ricerche sui mercati esteri.

Può essere rivolta anche all'individuazione e acquisizione di nuovi clienti, all'assistenza nella contrattualistica per l'internazionalizzazione, all'incremento della presenza nelle piattaforme di e-commerce. Ma può riguardare anche progetti per l'integrazione dei canali di marketing telematici e la gestione evoluta dei flussi logistici.

Il contributo è concesso in regime “de minimis” ed è pari a 20 mila euro per le micro e piccole imprese a fronte di un contratto di consulenza di importo non inferiore a 30 mila euro mentre sale 40 mila euro per le reti, a fronte di un contratto di consulenza di importo non inferiore a 60 mila euro.

Le imprese possono ottenere un contributo aggiuntivo di 10 mila euro se raggiungono determinati risultati in termini di volumi di vendita all'estero.

19feb 2021

FONDO NUOVE COMPETENZE: prorogato al 30 giugno

E’ stato prorogato al 30 giugno la scadenza di sottoscrizione degli accordi collettivi per la rimodulazione dell’orario di lavoro da presentare per la richiesta di contributo a valere sul fondo nuove competenze (Fnc) ad Anpal.

L’intervento consiste nel riconoscimento di un contributo finanziario ai datori di lavoro privati che stipulano accordi collettivi di rimodulazione dell’orario di lavoro, aziendali o territoriali. Il Fnc rimborsa il costo, comprensivo dei contributi previdenziali e assistenziali, delle ore di lavoro ridotte e destinate alla frequenza di percorsi di sviluppo delle competenze da parte dei lavoratori.

18feb 2021

INNOVAZIONE DIGITALE: nuove risorse per la formazione in azienda

Fondimpresa ha stanziato 20 milioni di euro per la formazione di lavoratori dipendenti e degli apprendisti delle imprese, aderenti al Fondo, che stanno realizzando un progetto o un intervento di innovazione digitale.

Le domande di partecipazione al piano formativo potranno essere presentate dal 30 marzo al 31 dicembre 2021.

09feb 2021

MADE IN ITALY: sostegno alle PMI

Pubblicato in G.U. n. 32 dell’8 febbraio 2021 il decreto 18 dicembre 2020 del Ministero dello Sviluppo Economico che stabilisce le modalità di attuazione della misura di sostegno delle PMI operanti nell'industria del tessile, della moda e degli accessori.

Il fondo prevede l'erogazione di contributi a fondo perduto riconosciuti nella misura massima del 50% delle spese ammissibili.

Saranno ammissibili alle agevolazioni, con una spesa non inferiore ai Euro 50.000,00, progetti finalizzati alla:

- realizzazione di nuovi elementi di design;

- all'introduzione nell'impresa di innovazioni di processo produttivo;

- alla realizzazione e all'utilizzo di tessuti innovativi;

- economia circolare finalizzati al riciclo di materiali usati o all'utilizzo di tessuti derivanti da fonti rinnovabili;

-introduzione nell'impresa di innovazioni digitali.

I termini e le modalità di accesso all’agevolazione saranno definiti con successivo provvedimento del direttore generale per gli incentivi alle imprese del Ministero.

09feb 2021

FONDO PER L’INTRATTENIMENTO DIGITALE: in arrivo contributi a fondo perduto

Il “First Palyable Fund” ha una dotazione finanziaria iniziale pari a 4 milioni di euro per l’anno 2020.

Il Fondo è finalizzato a sostenere le fasi di concezione e pre-produzione dei videogiochi, necessarie alla realizzazione di prototipi, tramite l’erogazione di contributi a fondo perduto (pari al 50% delle spese ammissibili).

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese che svolgono prevalentemente l’attività economica di “Edizione di software” o “Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse”.

I progetti ammissibili devono prevedere:

- la realizzazione di un singolo prototipo;

- spese e costi ammissibili complessivamente non inferiori a euro 20.000,00;

- essere avviati successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione;

- essere ultimati entro diciotto mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni.

I termini e le modalità di accesso all’agevolazione saranno definiti con successivo provvedimento del direttore generale per gli incentivi alle imprese del Ministero.