NEWS

01giu 2017

REGIONE CAMPANIA: contributi alle imprese per efficientamento energetico

La Regione Campania ha approvato l’avviso pubblico per la concessione di agevolazioni a progetti di efficientamento energetico.

Potranno accedere alle agevolazioni le PMI che hanno sede legale e/o operativa nel territorio campano.

Tre le tipologie di azioni ammissibili:

- Azione A: realizzazione di una diagnosi energetica conforme ai requisiti previsti dal D.L. n.102/2014;

- Azione B: realizzazione di almeno un intervento di efficientamento energetico con tempo di ritorno economico inferiore o uguale a quattro anni, previsti dalla diagnosi energetica;

- Azione C: adozione del sistema di gestione dell’energia (SGE) conforme alla norma ISO 50001.

A fronte di un piano di investimento minimo di € 50.000,00, sono previsti contributi pari al 50% dei costi ammissibili.

Le domande potranno essere presentate a partire dal 27 giugno e saranno valutate in ordine cronologico di arrivo.

31mag 2017

AREA DI CRISI DEL PICENO: approvato l’accordo da 31,8 milioni di euro

La Giunta regionale ha approvato l’Accordo di programma per la riconversione e la riqualificazione dell’area di crisi industriale complessa della Val Vibrata – Valle del Tronto. L’intesa, per essere operativa, verrà sottoscritta digitalmente, nei prossimi giorni, dalle Regioni Marche e Abruzzo, dalle Province di Ascoli e Teramo, dai ministeri dell’Economia, Infrastrutture, Ambiente.

Alla Regione Marche sono destinate risorse nazionali per 17 milioni di euro alle quali si aggiungeranno altri 14,8 milioni della Regione.

L’Accordo avvia il progetto di riqualificazione industriale (Prri) per il Piceno, che prevede, tra i suoi ambiti di intervento, la promozione di iniziative imprenditoriali, il ricollocamento lavorativo del personale e interventi infrastrutturali prioritari per l’area di crisi.

31mag 2017

CREDITO D’IMPOSTA IN R&S: l’agevolazione non finanzia miglioramenti

Le modifiche ordinarie o periodiche apportate a prodotti, linee di produzione, processi di fabbricazione, servizi esistenti e altre operazioni in corso non sono considerate attività di ricerca e sviluppo e pertanto non beneficiano del credito d’imposta. Anche quando le stesse rappresentano miglioramenti, come ad esempio, le modifiche stagionali, le modifiche del design di un prodotto, i miglioramenti, qualitativi o quantitativi derivati dall’utilizzo di sistemi di produzione molto simili a quelli già usati.

Sono invece incluse nell’agevolazione le modifiche di prodotto o di processo che apportano cambiamenti significativi delle linee e/o delle tecniche di produzione o dei prodotti (come ad esempio la sperimentazione di una nuova linea produttiva, la modifica delle caratteristiche tecniche e funzionali di un prodotto).

30mag 2017

REGIONE ABRUZZO: bando Hi-tech per lo sviluppo di nuove tecnologie

La Regione Abruzzo promuove il bando “Hi-tech”, con una dotazione finanziaria pari a € 4.000.000,00, per incentivare la realizzazione di iniziative inerenti lo sviluppo di nuove tecnologie, nell’ambito della “Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente” (RIS3 Abruzzo).

Possono accedere al bando le PMI e le grandi imprese come anche gli organismi di ricerca locali che presentano progetti improntati sullo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, nuovi processi, prodotti e servizi secondo le linee guida indicate.

Sono concessi contributi per un importo non inferiore a 100 mila euro e non superiore a 300 mila euro, tra i costi ammissibili le spese relative al costo del personale, alla strumentazione, alla ricerca contrattuale, ai brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne, al project management del progetto.

Le domande potranno essere inviate entro il 15 giugno 2017.

29mag 2017

INVIATALIA: nuove imprese a tasso zero – tempi ridotti per l’accesso ai fondi

Nuove imprese a tasso zero” è l’incentivo per i giovani e le donne che vogliono diventare imprenditori. Le agevolazioni sono valide in tutta Italia e prevedono il finanziamento a tasso zero di progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro che può coprire fino al 75% delle spese totali ammissibili.

Si ricorda che le agevolazioni sono rivolte alle imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne di tutte le età su tutto il territorio nazionale. Le imprese devono essere costituite in forma di società da non più di 12 mesi, rispetto alla data di presentazione della domanda. Anche le persone fisiche possono richiedere i finanziamenti, a condizione che costituiscano la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni. Nel rispetto dei requisiti indicati, Invitalia concederà finanziamenti a tasso zero finalizzati alla costituzione di nuove imprese per investimenti produttivi di importo non superiore ai 1.500.000,00 relativamente a:

- produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli;

- fornitura di servizi, in qualsiasi settore;

- commercio e al turismo;

- attività riconducibili anche a più settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, riguardanti la filiera turistico-culturale oppure l’innovazione sociale.

Invitalia, tramite un comunicato stampa, ha reso noto che sono sufficienti meno di 60 giorni per accedere ai finanziamenti di Nuove Imprese a Tasso Zero.

La domanda va presentata esclusivamente online, attraverso la piattaforma informatica dedicata.