NEWS

11apr 2018

VOUCHER DIGITALIZZAZIONE: dal 14 settembre la richiesta di erogazione

Con il decreto del 29 marzo scorso il Mise ha fissato che a partire dal 14 settembre 2018 sarà possibile, per l’impresa beneficiaria, presentare la richiesta di erogazione del voucher digitalizzazione.

Si ricorda che l’incentivo:

- è rivolto alle micro, piccole e medie imprese nonché agli studi professionali;

- consiste nell’ottenimento di un contributo, pari al 50% del totale delle spese ammissibili e, in ogni caso non superiore a € 10.000,00.

Lo scorso 14 marzo il Ministero ha pubblicato due decreti con i quali:

- ha approvato l’Elenco, consultabile per regione, dei soggetti ai quali risulta assegnabile il voucher;

- ha semplificato la procedura da seguire per l’ottenimento dell’incentivo.

In merito all’importo del contributo concesso, esso sarà comunicato solo dopo che il soggetto beneficiario ha sostenuto le spese. Tali spese potevano essere sostenute dallo scorso 14 marzo.

La richiesta di erogazione del voucher potrà essere inviata dal 14 settembre al 13 dicembre 2018 mentre l’erogazione dell’incentivo da parte del Mise deve avvenire entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta.

10apr 2018

BANDO ISI 2017: a partire dal prossimo 19 aprile

A partire dal prossimo 19 aprile 2018 scatterà la prima fase della procedura per richiedere all’Inail i finanziamenti collegati al Bando Isi 2017 la cui dotazione finanziaria a livello nazionale è pari a ˆ 249.406.358.

Le imprese interessate avranno tempo fino alle ore 18:00 del successivo 31 maggio per inserire la propria domanda mentre nel frattempo sarà possibile effettuare simulazioni relative al progetto da presentare e verificare l’eventuale raggiungimento della soglia di ammissibilità. Dal 7 giugno invece scatterà il famoso “click day” dedicato all’effettivo inoltro online della domanda di ammissione.

10apr 2018

CREDITO D’IMPOSTA: bonus per chi investe nelle aree del sisma

La Commissione europea riconosce un credito d’imposta per sostenere gli investimenti nelle Regioni colpite dal sisma (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria).

La dote a disposizione ammonta a 43,9 milioni di euro.

L’incentivo assume la forma di credito d’imposta, per tutte le società che effettuano investimenti iniziali nell’area. Il supporto alle grandi aziende sarà limitato agli aiuti per la creazione di una nuova società, la diversificazione dell’attività di una società o l’acquisizione delle attività di una società che ha chiuso.

Dal 10 maggio alle ore 12:00 e fino alle ore 12:00 del 9 luglio le imprese che vogliono investire nelle zone del centro-Italia, colpite dagli eventi simici potranno richiedere gli incentivi della legge n. 181/1989. Sono ammissibili all’incentivo le iniziative che prevedono:

- la realizzazione di programmi di investimento produttivo e/o programmi di investimento per la tutela ambientale con spese ammissibili non inferiori a 1,5 mln di euro;

- un incremento o la salvaguardia dei livello occupazionali esistenti nell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.

Le agevolazioni sono concesse in forma di contributo in conto impianti, di un eventuale contributo diretto alla spesa e di un finanziamento agevolato. In particolare il finanziamento agevolato concedibile sarà pari ad un valore compreso tra il 30 e il 50% degli investimenti ammissibili. Il contributo in conto impianti e l’eventuale contributo diretto alla spesa saranno complessivamente di importo non inferiore al 3% della spesa ammissibile.

10apr 2018

IPER AMMORTAMENTO: fa fede la data della perizia giurata

La data della perizia giurata decide il periodo d’imposta da cui vale l’iper ammortamento. Tale principio si desume dalla letteratura della risoluzione n. 27/E del 9 aprile 2018 con cui l’Agenzia delle entrate fornisce alcuni chiarimenti per fruire del beneficio.

Affinchè sia possibile accedere a tale agevolazione è necessario verificare la sussistenza di alcuni requisiti. In particolare la circolare congiunta dell’Agenzia delle entrate e del Ministero dello sviluppo economico n. 4/E del 30/03/2017 ha precisato che la variazione in diminuzione per iper ammortamenti può computarsi a partire dal periodo d’imposta in cui siano verificate due condizioni:

- che l’investimento sia stato effettuato;

- che il bene sia entrato in funzione e risulti interconnesso al sistema aziendale.

Si ricorda che l’avvenuta interconnessione del bene agevolabile sia oggetto di perizia o di attestato e tale documentazione deve essere acquisita dell’impresa entro il periodo d’imposta in cui al più tardi si verifica l’ultima delle condizioni richieste (ovvero entrata/interconnessione del bene). Pertanto l’agevolazione compete a partire dal periodo d’imposta nel quale è stata acquisita la perizia giurata o l’attestato.

09apr 2018

REGIONE MARCHE: oltre 28 mila euro per la ripresa produttiva

Oltre 28 milioni di euro a favore di attività commerciali, artigianali e di servizi delle Marche. Di questi fondi il 50% è riservato alle imprese ricadenti nei comuni marchigiani del cratere sismico al fine di favorire la ripresa produttiva delle imprese del settore turistico, dei servizi connessi, dei pubblici esercizi, del commercio e artigianato e delle imprese che svolgono attività agrituristica.

Le imprese devono essere operative nelle 4 province marchigiane (esclusa la Provincia di Pesaro Urbino che non ha comuni nel cratere) e devono aver subìto una riduzione di fatturato almeno pari al 30% nel periodo che intercorre tra gennaio 2017 e luglio 2017 rispetto alla media dello stesso periodo dei tre anni precedenti.

I contributi concedibili sono pari al 30% della riduzione del fatturato, e comunque in misura non superiore a € 50.000. L’incidenza del contributo potrebbe assestarsi su un range che va da alcune migliaia di euro a circa 20 mila euro di contributi a fondo perduto, da utilizzare nelle imprese che abbiano sostenuto costi di produzione da utilizzare per la ripresa dell’attività.

La domanda potrà essere compilata a partire dal 14 maggio fino a 30 giugno. La graduatoria delle domande di contributo è redatta in ordine decrescente sulla base dell’entità, in percentuale, della riduzione del fatturato subìta dalle imprese beneficiarie. L’erogazione della prima quota pari al 70 per cento del contributo concesso verrà versata entro 30 giorni dalla data del provvedimento di concessione ed è subordinata alla presentazione di una polizza fideiussoria bancaria o assicurativa.