NEWS

19ott 2017

IPER AMMORTAMENTO: proroga più generosa con la nuova legge di Bilancio 2018

Con la nuova legge di Bilancio 2018 l’incentivo dell’iper ammortamento ottiene sei mesi in più per la consegna del bene, che potrà avvenire entro il 31 dicembre 2019, sempre a condizione che entro il 31 dicembre 2018 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura pari almeno al 20%.

19ott 2017

SUPER AMMORTAMENTO: aliquota al 130%

L’agevolazione del super ammortamento passa dal 140% al 130%, questo è quanto emerge dalla nuova bozza della legge di Bilancio 2018. Dal 1° gennaio 2018 e fino al 31 dicembre 2018 l’agevolazione sarà infatti riconosciuta nella misura del 130%.

Attualmente è possibile spostare la consegna dei beni al 30 giugno 2018 ma con la nuova legge di Bilancio la scadenza verrà posticipata al 30 giugno 2019, a condizione però che entro la data del 31 dicembre 2018 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura pari almeno al 20% del costo di acquisizione.

18ott 2017

CREDITO D’IMPOSTA PUBBLICITA’: agevolabili anche gli investimenti online

Il credito d’imposta di cui all’art 57-bis del DL 50/2017 riguarda gli investimenti incrementali pubblicitari effettuati sulla stampa quotidiana e periodica, anche online.

L’agevolazione prevede il riconoscimento, a decorrere dal 2018, di un credito d’imposta alle imprese e ai lavoratori autonomi che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie superiori almeno all’1% degli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente.

Il periodo agevolabile riguarda gli investimenti effettuati dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017.

Il credito d’imposta spetta nella misura:

- del 75% del valore incrementale per imprese e lavoratori autonomi;

- del 90% del valore incrementale per le piccole e medie imprese, le microimprese e le startup innovative.

Le spese di acquisizione dei servizi si considerano sostenute alla data in cui le prestazioni sono ultimate.

17ott 2017

CREDITO D’IMPOSTA IN R&S: riconosciuto il bonus anche post produzione

L’agevolazione per attività di ricerca e sviluppo è concessa anche in esecuzione di ricerche e studi svolti successivamente alla commercializzazione dei prodotti. Questo è uno dei principali chiarimenti della risoluzione 122/E del 10 ottobre dell’Agenzia delle Entrate.

La risoluzione dell’Agenzia ha chiarito il principio secondo il quale anche le spese relative a ricerche effettuate successivamente alla commercializzazione di un prodotto possono rientrare nell’ambito oggettivo dell’agevolazione purché, s’intende, non si esauriscano unicamente in ricerche e studi ordinari ma si pongano l’obiettivo di migliorare o innovare prodotti e processi esistenti.

17ott 2017

CAMBIANO GLI INCENTIVI: nuovo credito d’imposta alla formazione e aliquota ribassata per il super ammortamento

Entra nella manovra il nuovo credito di imposta per la formazione 4.0 mentre il super ammortamento fiscale viene confermato l’aliquota al 130% anziché al 140%. L’iper ammortamento prosegue ancora per un altro anno nella stessa forma ( al 250%) mentre la misura “Nuova Sabatini” viene rifinanziata.

La novità principale sarà il credito d’imposta triennale (2018-2020) per la formazione in attività 4.0. Il beneficio sarà del 50%, per spese fino a 1 milione di euro e si riferirà al solo costo aziendale del personale dipendente per il periodo in cui viene occupato in attività di formazione negli ambiti definiti come industry 4.0 dall’allegato della legge di bilancio dello scorso anno. Il credito d’imposta dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in cui sono sostenute le spese.

Inoltre, l’incentivo fiscale noto come super ammortamento (che agevola l’acquisto di macchine utensili tradizionali) sarà esteso anche ad investimenti effettuati nel 2018, con coda fino al 30 giugno 2019 per le consegne (sempre a patto di aver versato un acconto pari ad almeno il 20% entro il 2017). Dovrebbero però essere esclusi dai beni agevolabili, almeno stando alle bozze attuali, i veicoli usati come beni strumentali nell’attività di impresa (gli altri erano già fuori dal perimetro).

Previsto anche il rifinanziamento della “Nuova Sabatini” per i finanziamenti agevolati all’acquisto di macchinari industriali: 55 milioni in più per il 2018, 110 milioni dal 2019 fino al 2022, 55 milioni per il 2023.