NEWS

26ott 2018

REGIONE MARCHE: approvata graduatoria bando industrializzazione

La Regione Marche ha approvato la graduatoria dei progetti ammessi al bando “Ingegnerizzazione, industrializzazione dei risultati della ricerca e valorizzazione economica dell’innovazione”.

Le risorse ammontavano a 9 milioni di euro e sono stati finanziati 58 progetti su 88 ritenuti ammissibili.

25ott 2018

IPERAMMORTAMENTO: aliquote diverse

L’agevolazione dell’iperammortamento andrà avanti fino al 2019 al fine di incentivare l’acquisto dei beni “digitali” del piano Impresa 4.0.

Non ci sarà però una solo aliquota ma bensì tre:

- 150% per investimenti fino a 2,5 milioni di euro;

- 100% per investimenti tra i 2,5 e i 10 milioni di euro;

- 50% per investimenti tra i 10 e i 20 milioni di euro.

25ott 2018

FORMAZIONE E 4.0 E RICERCA: bonus incerto

Il credito d’imposta per la formazione 4.0 con molta probabilità non sarà presente nella nuova legge di bilancio.

Mentre il credito d’imposta in R&S si apre anche ai lavoratori autonomi ma viene ridotta l’entità del bonus, 25% (il 50% resta solo per alcune tipologie di spesa) e sarà sottoposta a controlli più stretti.

25ott 2018

SUPERAMMORTAMENTO: l’incentivo non verrà più prorogato

Nella nuova legge di bilancio sembrerebbe che l’incentivo del superammortamento fiscale per l’acquisto dei beni e macchinari tradizionali non verrà prorogato.

Questo significa che l’agevolazione si esaurirà con gli investimenti effettuati nel 2018, a patto che l’ordine sia partito a fine 2017 con un acconto pari al 20%, e con la possibilità di consegna al 30 giugno 2019.

24ott 2018

INCENTIVI E PIANO IMPRESA 4.0: alcune novità

La bozza della legge di bilancio conferma la proroga con tre aliquote per l’iperammortamento fiscale nel 2019 (beni strumentali “digitali”) e lo stop al superammortamento (per le macchine “tradizionali”). Rinnovata la disciplina speciale per i software (maggiorazione per l’ammortamento del 40%).

Non c’è traccia invece del credito di imposta per la formazione 4.0.

Viene invece ridimensionato il credito di imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo: come per l’iperammortamento, si abbassano i limiti per agevolare di più le Pmi. Il “bonus” massimo annuale per beneficiario scende da 20 a 10 milioni. E anche l’entità si riduce: resterà un credito al 50% solo per la parte relativa ad alcune tipologie di spesa (come personale e contratti con università), ma per la parte restante scenderà al 25%.