NEWS

16gen 2017

REGIONE LAZIO: contributi per lo sviluppo di imprese operanti nel settore delle attività culturali e creative

La Regione Lazio sostiene lo sviluppo di imprese operanti nel settore delle attività culturali e creative attraverso la concessione di contributi a fondo perduto.

Potranno accedere alle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese operanti nei seguenti settori:

- Arti e Beni culturali;

- Architettura e Design;

- Spettacolo dal vivo e musica;

- Audiovisivo;

- Editoria.

Il contributo, concesso a titolo de minimis, non potrà superare la somma di € 30.000,00.

13gen 2017

BANDI MARCHI STORICI: contributi fino a 120 mila euro a impresa

Il Bando per la concessione di agevolazioni alle imprese per la valorizzazione dei marchi la cui domanda di deposito sia antecedente al 1 gennaio 1967, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, è stato pubblicato il 29 dicembre 2016.

I progetti devono riguardare:

- marchi registrati presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) o presso l’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO) con rivendicazione di preesistenza dei marchi registrati presso l’UIBM, che non siano estinti per mancato rinnovo o decadenza, e la cui domanda di primo deposito presso l’UIBM sia antecedente al 1 gennaio 1967;

- prodotti/servizi afferenti l’ambito di protezione del marchio stesso, con riferimento alle classi di appartenenza dei prodotti/servizi per le quali è registrato.

Ciascuna impresa può presentare più richieste, ognuna delle quali deve avere ad oggetto un marchio diverso.

Possono presentare domanda le medie, piccole e micro imprese che abbiano sede legale e operativa in Italia. La domanda può essere presentata o dal titolare del marchio oppure dal titolare di un accordo di licenza esclusiva e totale per l’uso del marchio.

Le risorse complessive ammontano a 4,5 milioni di euro e sono previsti contributi in conto capitale pari all’80% delle spese ammissibili e comunque non superiore a 120 mila euro.

Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 9:00 del 4 aprile 2017.

13gen 2017

CREDITO D’IMPOSTA AL SUD: pronto il decreto per 163 mln di euro

È con il decreto direttoriale MiSe 4 gennaio 2017 (in attesa di essere pubblicato in G.U.) che sono state definite le modalità per la valutazione di eleggibilità dei progetti d’investimento all’utilizzo delle risorse Pon e della comunicazione del provvedimento di utilizzo delle stesse.

Le imprese del Mezzogiorno che vogliono usufruire dell’incentivo sono tenute a presentare al MiSe la dichiarazione delle spese effettivamente sostenute e l’eventuale ulteriore documentazione attestante l’effettiva coerenza del progetto d’investimento con gli ambiti applicativi della strategia nazionale di specializzazione intelligente. I progetti d’investimento per essere ammessi dovranno essere sottoposti all’attività istruttoria del MiSE.

13gen 2017

SABATINI-TER: il bonus va chiesto contestualmente alla domanda di finanziamento

C’è tempo fino al 31 dicembre 2018 per richiedere il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico.

Ancora ricco lo stanziamento dei fondi disponibili, circa 28 mln di euro solo per l'anno 2017. In totale sono stati stanziati ben 560 mln di euro, e l'agevolazioni saranno previste fino all'anno 2023.

Chi è interessato al contributo deve presentare oltra alla domanda la richiesta di finanziamento alla banco o all’intermediario finanziario certificando il possesso dei requisiti di legge e l’aderenza degli investimenti alle sue previsioni. Dopo l’adozione della delibera di finanziamento da parte della banca, il Mise provvede alla concessione del contributo e a darne comunicazione all’impresa.

Il contributo riconosciuto è pari all’interesse calcolato, in via convenzionale, al tasso del 2,75% su un finanziamento di cinque anni e d’importo equivalente a quello concesso da una banca o da un intermediario aderente alla convenzione con la Cassa depositi e prestiti.

Quanto agli investimenti riconducibili a Industria 4.0, la legge di Bilancio ha riconosciuto uno spread di contributo del 30% rispetto a quello ordinario. Tuttavia, sarà un provvedimento del direttore generale per gli incentivi alle imprese del ministero dello Sviluppo economico a definire i termini e le modalità di presentazione delle domande di agevolazione che possono accedere alla maggiorazione del contributo a valere sulla riserva del 20 per cento.

12gen 2017

REGIONE FRIULI VENEZIA-GIULIA: contributi per la realizzazione di impianti termici a biomassa legnosa

La Regione Friuli Venezia-Giulia sostiene la realizzazione di impianti termici a biomassa legnosa proveniente dalla foresta e dall’arboricoltura da legno specializzata.

Sono ammissibili gli interventi di acquisto e di messa in opera di caldaie a biomassa legnosa di potenza termica nominale maggiore a 35 kW e inferiore a 100 kW al servizio diretto dei bisogni del richiedente, e rispondenti a tutte le caratteristiche previste dal regolamento; sono incluse tutte le opere idrauliche e elettriche funzionali all’impianto termico. Sono altresì ammissibili l’installazione di un sistema di telecontrollo dell’impianto e l’eventuale installazione di un container, esclusa l’edificazione di strutture in latero cemento, al fine di contenere l’impianto o come deposito della biomassa.

Il contributo concesso è pari all’80% della spesa ammissibile per i soggetti pubblici o al 50% per soggetti diversi a fronte di un investimento minimo di € 15.000,00.

Le domande per accedere ai fondi possono essere inviate fino al 28 febbraio 2017.