NEWS

06apr 2020

CREDITO D’IMPOSTA SUI BENI STRUMENTALI NUOVI: attenzione alla cumulabilità

Secondo quanto stabilito dal comma 192 della Legge 160/19, il credito d’imposta è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, non porti al superamento del costo totale sostenuto.

Un esempio di cumulabilità è la Legge Sabatini che prevede, da parte di banche e intermediari finanziari, la concessione di finanziamenti agevolati al fine di sostenere gli investimenti in beni strumentali, nonché della concessione di un contributo da parte del ministero dello Sviluppo rapportato agli interessi sul finanziamento medesimo.

Casi particolari di cumulabilità:

- Imprese agricole: le agevolazioni non sono cumulabili con aiuti de minimis a norma del regolamento (CE) n. 1535/2007, sono cumulabili con altri aiuti di Stato secondo l'articolo 107, paragrafo 1, del Trattato, con i contributi finanziari forniti dagli Stati membri, compresi quelli di cui all'articolo 108, paragrafo 1, secondo comma, del regolamento (CE) n. 1698/2005, sono cumulabili con i contributi finanziari comunitari in relazione agli stessi costi ammissibili. Sempre a condizione che tale cumulo non comporti il superamento dei limiti massimi previsti.

- Imprese della pesca e acquacoltura: le agevolazioni possono essere cumulate con altri aiuti esentati da regolamento (CE) 736/2008 o con gli aiuti de minimis che soddisfino le condizioni di cui al regolamento (CE) n. 875/2007, oppure con altri finanziamenti comunitari relativi agli stessi costi ammissibili, a condizione che tale cumulo non porti al superamento dell’intensità di aiuto o dell’importo di aiuto più elevati applicabili in base al regolamento (CE) 736/2000.

03apr 2020

BANDO ISI 2019: sospesa la presentazione della domanda

L’INAIL ha disposto la proroga di tutte le fasi del bando ISI 2019 e nuovo calendario sarà pubblicato dall’Istituto entro il 31 maggio 2020.

Si ricorda che le risorse messe a disposizione ammontano a oltre 250 milioni di euro e i fondi sono ripartiti in cinque assi di finanziamento, distinti in base ai destinatari e alla tipologia degli interventi da realizzare: investimenti generali e modelli organizzativi e di responsabilità sociale, riduzione dei rischi da movimentazione manuale dei carichi, bonifiche da amianto, interventi per imprese operanti nella fabbricazione dei mobili e nella pesca, e progetti nel settore agricolo.

03apr 2020

SANITA’: nuovi bandi in arrivo

Oltre 10 milioni di euro sono le risorse stanziate dalla Commissione Europea per finanziare progetti innovativi nell’ambito del settore sanitario, emanati nell’ambito del terzo settore programma europeo per la salute.

La partecipazione ai bandi è aperta a tutte le entità giuridiche con sede negli stati membri, Italia compresa, inclusi anche gli enti pubblici.

Il primo invito è fissato per il 3 giugno 2020 e mette a disposizione fondi per 7,8 milioni di euro ed è volto a finanziare progetti per migliorare la capacità del sistema sanitario.

Tre inviti sono invece dedicati specificatamente all’ambito delle vaccinazioni e la domanda di partecipazione deve essere presentata entro il 10 giugno 2020.

La percentuale di contributo richiedibile è del 60%, elevabile all’80% in caso di progetti di particolare utilità. I bandi sono disponibili sul portale europeo delle opportunità di finanziamento e gara.

03apr 2020

DISTRETTI DEL CIBO: parte il primo bando

Il MIPAAF, con avviso del 17 febbraio 2020, protocollo n. 10898, ha dato il via libera al primo bando relativo alle agevolazioni previste per i cd. distretti del cibo, il cui termine ultimo di presentazione scade il prossimo 18 maggio 2020.

Si considerano distretti del cibo, i distretti rurali e agroalimentari di qualità, i sistemi produttivi locali caratterizzati da una elevata concentrazione di PMI agricole e agroalimentari, quelli produttivi locali anche a carattere interregionale nonché quelli localizzati in aree urbane o periurbane e i biodistretti e i distretti biologici.

Nel caso di investimenti connessi alla produzione agricola primaria i contributi sono previsti nella misura massima del 40%, elevata al 50% nelle Regioni meno sviluppate, percentuali confermate anche nell’ipotesi di investimenti nel settore della trasformazione e della successiva commercializzazione dei prodotti agricoli.

Nel caso di spese sostenute per la partecipazione dei produttori agricoli a regimi di qualità, il contributo, per le misure promozionali a favore dei prodotti agricoli, ammonta al 50%.

Per quanto riguarda le spese ammesse all’agevolazione, esse varino in funzione della tipologia di intervento cui sono connesse.

02apr 2020

REGIONE MARCHE: prorogato il bando ITI FERMO

La Regione Marche, in seguito all'emergenza COVID -2019, ha prorogato il bando POR FESR 14-20 di "Sostegno allo sviluppo di Piattafome tecnologiche della ricerca collaborativa negli ambiti della specializzazione intelligente", nell'ambito della Strategia Urbana, ITI FERMO 0-99.

Sarà possibile presentare domanda fino al 23 maggio 2020.

Si ricorda che le risorse stanziate ammontano a € 1.750.000,00.