NEWS

23mag 2019

REGIONE MARCHE: L.R. 20/2003 per lo sviluppo dell'artigianato artistico, tipico e tradizionale - contributi a fondo perduto fino al 50%

La L.R. 20/2003 è stata emanata per fornire gli interventi a favore del sistema produttivo delle Marche: disciplina gli interventi in materia di sostegno all'artigianato, all'industria ed ai servizi alla produzione, allo scopo di favorire la crescita e la qualificazione dell'apparato produttivo regionale. La normativa in questione disciplina, inoltre, l'organizzazione regionale e locale per la rappresentanza e la tutela dell'artigianato, nonché le attività dell'artigianato artistico tradizionale.

Sono ammissibili:

LETTERA A) Ammodernamento, ristrutturazione e mantenimento dei laboratori in proprietà o in locazione

LETTERA C) Contributi per l'acquisto di impianti, macchinari, attrezzature, brevetti,

LETTERA G) Commercializzazione di prodotti

LETTERE A) C) e G) in modalità integrata: le imprese individuali che svolgono esclusivamente l'attività tramite le attrezzature d'uso possono presentare progetti che, in modalità integrata afferiscano alle tipologie di investimenti previsti dalle lett. a) c) e g)

I soggetti beneficiari sono:

• le imprese artigiane, singole, o associate che svolgono le attività artistiche previste dall'apposito elenco riportato dal bando e che hanno ottenuto il riconoscimento previsto.

• per imprese associate si intendono i consorzi costituiti purché almeno un numero di tre imprese artigiane partecipanti appartengano al settore artistico; le Associazioni temporanee di Impresa (ATI) e reti di impresa costituite tra imprese del settore dell'artigianato artistico tipico e tradizionale regolarmente costituite;

• i Consorzi, le ATI e le reti d'impresa possono presentare domanda esclusivamente per gli interventi di cui alla lettera g).

• possono partecipare ai progetti integrati che ricomprendono gli interventi previsti dal comma 1 lettere a) c) e g) solo le imprese individuali che hanno ottenuto il riconoscimento previsto e che svolgono la propria attività solo con le attrezzature d'uso.

Entità dell'agevolazione è pari al 50% delle spese ritenute ammissibili.

Le domande potranno essere presentate a partire dal 23 maggio 2019 e fino al 15 luglio 2019.

22mag 2019

REGIONE MARCHE: L.R. 21 dicembre 2015 n.28 – contributi per la digitalizzazione delle imprese artigiane

Deliberata la Legge Regionale del 21 dicembre 2015 n.28 art.9 comma 1, lettera f) in merito ai contributi per la digitalizzazione delle imprese artigiane.

Le risorse a disposizione ammontano a € 900.000,00.

Possono presentare domanda le imprese artigiane, singole o associate iscritte all’albo delle imprese artigiane di cui all’art. 28 della L.R. 20/2003.

I progetti ammessi a contributo devono riguardare la digitalizzazione dei processi aziendali e l’ammodernamento tecnologico tramite l’acquisto di software, hardware o servizi di consulenza specialistica che consentano:

- il miglioramento dell’efficienza aziendale;

- lo sviluppo di soluzioni di e-commerce;

- la connettività a banda larga e ultralarga;

- il collegamento internet con tecnologia satellitare.

I termini di validità della spesa decorrono dal 01/01/2018 e i progetti dovranno concludersi entro 10 mesi dalla notifica del contributo.

Sono riconosciuti contributi a fondo perduto nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili e fino ad un massimo di € 10.000,00.

La domanda di contributo potrà essere presentata a partire dal 23 maggio 2019 e fino al 15 luglio 2019.

22mag 2019

QUOTAZIONE PMI: al via il bonus

Con la risoluzione n.52/E del 21 maggio 2019 l’Agenzia delle entrate ha istituito il codice tributo, “6901”, che le imprese beneficiarie dovranno utilizzare per fruire del credito d’imposta.

Si ricorda che l’incentivo è a favore delle PMI che decidono di aprire al pubblico la propria compagine sociale. In particolare, l’agevolazione è determinata in relazione ai costi sostenuti per l’ammissione alla quotazione su mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione italiani o europei.

Il bonus è pari al 50% delle spese ammissibili effettuate tra il 1° gennaio 2018 e il 31 dicembre 2020, data ultima entro la quale il processo di ipo deve essere completato.

L’importo massimo che può essere riconosciuto è pari a € 500.000,00 per ciascuna impresa.

Si rammenta inoltre che se la quotazione non va in porto il bonus non è spettante.

21mag 2019

REGIONE MARCHE: approvazione del bando “Voucher digitali impresa 4.0” anno 2019 - AN e FM

E’ stata approvata la concessione di Voucher Digitali Impesa 4.0 di importo compreso tra € 5.000,00 ed € 6.000,00 per interventi in tema di utilizzo delle tecnologie 4.0 e l’innovazione digitale, coerenti con le linee guida previste dal MISE.

Le risorse complessivamente stanziate ammontano a € 260.000,00 di cui € 200.000,00 destinati alle PMI della provincia di Ancona ed € 60.000,00 destinati alle PMI della provincia di Fermo.

L’apertura dello sportello è prevista per il 27 maggio 2019 dalle ore 8:00 e fino ad esaurimento dei fondi stanziati e, comunque, non oltre il 28 giugno 2019.

20mag 2019

VOUCHER INNOVATION MANAGER: il provvedimento è alla firma della Corte dei Conti

Prosegue l’iter del decreto attuativo sul Voucher Innovation Manager destinato alle PMI al fine si sostenerle nei processi di innovazione aziendale.

Il nuovo incentivo sarà destinato all’acquisto di prestazioni consulenziali di natura specialistica finalizzate a sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale attraverso le tecnologie abilitanti previste dal Piano nazionale impresa 4.0.

Il contributo sarà riconosciuto per i periodi d’imposta 2019 e 2020, in misura diversa a seconda della dimensione d’impresa:

- Piccole e medie imprese 50% dei costi sostenuti e fino ad un tetto massimo di € 40.000,00;

- Medie imprese fino al 30% dei costi sostenuti e fino ad un tetto massimo di € 25.000,00;

- Per i contratti di rete fino al 50% dei costi sostenuti e fino ad un tetto massimo di € 80.000,00.

Il decreto in dirittura d’arrivo dovrebbe istituire l’elenco di società di consulenza e manager qualificati ammessi all’agevolazione, stabilendone i requisiti necessari per l’iscrizione.