NEWS

15mag 2020

MISE: pubblicato il bando VOUCHER 3I

Pubblicato il nuovo bando Voucher 3I dedicato a sostenere la competitività delle start up innovative finanziando i servizi di consulenza necessari a valorizzare e tutelare, in Italia e all’estero, i processi tecnologici attraverso la brevettabilità dell'invenzione.

Le risorse complessivamente stanziate ammontano a 19,5 milioni di euro.

I servizi acquisibili con il Voucher riguardano:

- la realizzazione di ricerche di anteriorità preventive e la verifica della brevettabilità dell'invenzione;

- la stesura della domanda di brevetto e il suo deposito presso l'Ufficio italiano brevetti e marchi;

- il deposito all'estero di una domanda nazionale di brevetto.

Le domande potranno essere inviate a partire dal 15 giugno 2020 e fino all’esaurimento delle risorse disponibili.

14mag 2020

ALTRE NOVITA’ FISCALI

Rinvio dei versamenti

Slittano al 16 settembre i versamenti di imposte e contributi sospese nei mesi di marzo, aprile e maggio per imprese e professionisti colpiti dall’emergenza sanitaria e dalle norme di contenimento in vigore dall’8 marzo scorso. Il pagamento potrà avvenire in unica rata o dilazionato in 4 rate di pari importo a partire sempre dal mese di settembre.

Stop ad atti e cartelle

Il governo blocca la notifica ad imprese e cittadini di circa 30 milioni di atti tra accertamenti e cartelle esattoriali che sarebbe dovuta ripartire dal prossimo 1° giugno e concludersi il 31 dicembre. Il decreto “Rilancio” prevede in particolare che l’agente della riscossione riprenderà a notificare le cartelle esattoriali a partire dal 1° settembre 2020. Per quanto riguarda gli atti di accertamento o avvisi bonari il Fisco potrà lavorarli entro il 31 dicembre 2020. Per la notifica se ne parlerà nel 2021 a partire dal 1° gennaio ed entro il 31 dicembre del prossimo anno.

Bonus sanificazione

Ai soggetti esercenti arti e professioni, agli enti non commerciali, compreso il Terzo del settore e agli enti religiosi civilmente riconosciuti viene riconosciuto, sulle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, e di acquisto di dispositivi di protezione individuale e di tutela della salute, un credito d’imposta pari al 60% fino ad un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario, nel limite complessivo di 200 milioni di euro per l’anno 2020.

Compensazioni

Per immettere liquidità nel sistema economico anche a favore delle famiglie favorendo lo smobilizzo dei crediti tributari e contributivi attraverso l’istituto della compensazione nel 2020, in sede di erogazione dei rimborsi fiscali non si applica la compensazione tra il credito d’imposta e il debito iscritto a ruolo. Viene inoltre aumentato da 700mila euro a un milione l limite annuo di crediti compensabili tramite modello F24Ai soggetti esercenti arti e professioni.

Bonus affitti

Ai soggetti esercenti arti e professioni, agli enti non commerciali, compreso il Terzo del settore e agli enti religiosi civilmente riconosciuti viene riconosciuto, sulle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, e di acquisto di dispositivi di protezione individuale e di tutela della salute, un credito d’imposta pari al 60% fino ad un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario, nel limite complessivo di 200 milioni di euro per l’anno 2020.

Sconti all’editoria

Sale al 50% il credito di imposta per gli investimenti pubblicitari. Previsti, fra gli altri: forfettizzazione delle rese dei quotidiani, per riduzione pagamento Iva, aumentata al 95%; credito d’imposta dell’8% della spesa del 2019 per l’acquisto della carta; contributo una tantum fino a 500 euro per gli edicolanti; credito d’imposta del 30% della spesa nel 2020 per acquisto servizi di server, hosting e banda larga per le testate digitali. Risanamento Inpgi, ritorna la proroga al 31 dicembre.

Durc ancora validi

Nel decreto trova posto anche il salvataggio dei Durc scaduti dal 31 gennaio al 16 maggio scorso. Con una modifica al decreto Cura Italia i Documenti di regolarità contributiva necessari alle imprese per partecipare alle gare di appalto sono validi fino al 15 giugno 2020.

Giustizia tributaria

Nelle udienze da remoto, anche giudici e personale amministrativo (quindi non solo le parti processuali) potranno utilizzare i collegamenti da remoto. Sospesi fino al 31 maggio i termini per il computo delle sanzioni relative ai ritardi nel versamento del contributo unificato.

Sugar tax e plastic tax

Rinviate al 1° gennaio 2021 le tasse sulle plastiche monouso e le bevande edulcorate, che erano state previste per quest’anno dall’ultima legge di Bilancio.

Rivalutazioni

Il valore dei terreni (sia agricoli sia edificabili) e delle partecipazioni in società non quotate viene rideterminato per i beni posseduti al 1° luglio 2020, pagando un’imposta sostitutiva sul maggior valore che viene attribuito con una perizia.

14mag 2020

DECRETO RILANCIO: approvato dal consiglio dei ministri

Dopo settimane di riunioni e discussioni il Decreto Rilancio è riuscito a a varcare la soglia del consiglio dei ministri: 55 miliardi di nuovo indebitamento, e 155 miliardi in termini di saldo netto da finanziare per dare gambe alle misure con gli aiuti alle imprese, la replica e l’estensione di ammortizzatori sociali e sostegno al reddito, il rafforzamento della sanità e i nuovi fondi per gli enti locali.

La nuova manovra ora attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Molti i noti ancora da sciogliere.

Tra queste si incontra la possibilità generalizzata monetizzare i bonus fiscali per gli interventi edilizi che si vorranno realizzare quest’anno oppure il prossimo. Imprese e famiglie potranno trasformare la detrazione fiscale per lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico o antisismico, così come anche il bonus facciate, o in uno sconto in fattura sul pagamento dei lavori, oppure potranno cedere il credito ad altri soggetti, comprese banche e intermediari finanziari. Opzioni, queste, che il decreto estende anche ai crediti d’imposta introdotti per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Si tratta per esempio del bonus affitti destinato a imprese e negozi o degli sconti fiscali introdotti per favorire la sanificazione e l’adeguamento degli ambienti di lavoro. Stesso meccanismo per il bonus turismo e il nuovo super-sconto del 110% per l’efficientamento energetico e sismico delle abitazioni.

Nel decreto entrano poi in corsa nuove norme sul patrimonio immobiliare pubblico, che allungano da 50 a 70 anni i termini di durata di concessioni e locazioni con l’obiettivo di facilitare l’equilibrio economico-finanziario delle iniziative di valorizzazione. Il ministero della Difesa, poi, potrà operare vendite in blocco dei propri alloggi liberati dalla riduzione degli effettivi nelle forze armate.

Sulla cassa integrazione la soluzione prevede la disponibilità di ulteriori 9 settimane, divise però in due tranche per evitare di esaurire subito il plafond.

Agli enti locali arrivano 3,5 miliardi di euro, a cui si aggiungono 200 milioni per i Comuni delle «zone rosse» e 100 per indennizzare in parte il mancato gettito dell’imposta di soggiorno. Scende a 500 milioni il fondo per il trasporto pubblico locale, ma per provare a gestire la mobilità ai tempi del distanziamento sociale arriva un nuovo adempimento per imprese e Pa con desi di almeno 100 dipendenti in Comuni con più di 50mila abitanti: dovranno istituire la figura del «mobility manager» per adottare ogni anno il «piano degli spostamenti casa-lavoro» dei propri dipendenti con l’obiettivo di ridurre l’uso del mezzo di trasporto privato.

Nell’infinita teoria degli articoli del nuovo provvedimento si fa largo anche una proroga al 31 dicembre degli stati di emergenza regionali, con le relative contabilità speciali.

Non trova posto invece la possibilità di rimodulare i contratti delle aziende di riscossione locale. Ma la norma è destinata a entrare in un prossimo decreto.

14mag 2020

BONUS PUBBLICITA’: elevato al 50%

Il Decreto Rilancio eleva, per il solo anno 2020, la misura del bonus pubblicità dal 30% al 50%.

Confermato il criterio volumetrico introdotto dal decreto Cura Italia: limitatamente all'anno 2020, la base di calcolo dell’agevolazione è costituita dall’intero valore dell’investimento pubblicitario effettuato anziché dalle sole spese eccedenti.

Con tale regime straordinario, il credito d’imposta si apre alle imprese, ai professionisti e agli enti del terzo settore che iniziano la loro attività nel corso del 2020, oppure che realizzeranno investimenti inferiori rispetto a quelli effettuati nel 2019, oppure che nell'anno 2019 non abbiano effettuato investimenti pubblicitari.

Definite inoltre le risorse dedicate a tale misura: per il 2020, il budget stanziato ammonta a 60 milioni di euro, di cui:

- 40 milioni di euro per gli investimenti pubblicitari effettuati sui giornali quotidiani e periodici, anche online;

- 20 milioni di euro per gli investimenti pubblicitari effettuati sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Sono escluse dagli investimenti ammissibili:

- le spese sostenute per l’acquisto di spazi nell’ambito della programmazione o dei palinsesti editoriali per pubblicizzare o promuovere televendite di beni e servizi;

- le spese per la trasmissione o per l’acquisto di spot radio e televisivi di inserzioni o spazi promozionali relativi a servizi di pronostici, giochi o scommesse con vincite in denaro, di messaggeria vocale, chat-line;

- le spese accessorie, di intermediazione e ogni altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio pubblicitario, anche se ad essa funzionale o connessa.

Il credito d’imposta potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione, ai sensi dell'articolo 17 del D.Lgs. n. 241/1997, ed è fruibile nel rispetto dei limiti stabiliti della normativa europea sugli aiuti “de minimis”.

13mag 2020

IMPRESA 4.0: ancora incerti gli incentivi

Ancora in dubbio il prolungamento fino al 2022 e il rafforzamento parziale del Piano Impresa 4.0.

La proposta del Ministero dello Sviluppo include la proroga del Piano con l’obiettivo di agevolare gli investimenti effettuati entro il 2022 mentre oggi sono coperti solo quelli del 2020, con coda per le consegne fino a metà 2021 nel caso di un acconto pari ad almeno il 20%.

Verrebbe prolungato il credito di imposta che ha sostituito il superammortamento e l’iperammortamento, ma anche quello destinato alla ricerca/sviluppo/innovazione ed il bonus per la formazione 4.0. Si intenderebbe poi alzare dal 6 al 10% il credito di imposta per i beni strumentali tradizionali (ex superammortamento) con un ulteriore incremento al 15% se le spese vengono effettuate per dispositivi funzionali al lavoro agile. Il credito di imposta per attività di ricerca fondamentale, industriale e sviluppo sperimentale passerebbe dal 12 al 20% con tetto di spesa ammissibile portato da 3 a 5 milioni.

Tra gli interventi proposti dal Ministero dello Sviluppo figura anche l’assegnazione di 150 milioni al Fondo di sostegno al venture capital per investimenti nel capitale delle startup e per la sottoscrizione tra l’altro di obbligazioni convertibili o altri strumenti di debito rimborsabili. In discussione anche lo stanziamento di 80 milioni per i finanziamenti agevolati “Smart & Start” gestiti da Invitalia e di 20 milioni per contributi a fondo perduto finalizzati all’acquisizione di servizi da parte di incubatori, acceleratori, innovation hub, business angels.