NEWS

09mar 2017

INCENTIVO OCCUPAZIONALE GIOVANI 2017: fino ad € 8.060 annui per le assunzioni

Messi a disposizione 200 mln di euro per questo nuovo incentivo che sarà gestito dall’INPS.

L’agevolazione spetta esclusivamente ai datori di lavoro privati che assumono dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017 giovani:

- di età compresa tra i 16 e i 29 anni;

- se minorenni, aver assolti al diritto-dovere all’istruzione e formazione;

- non siano inseriti in un percorso di studio o formazione;

- siano disoccupati;

- siano registrati al “Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani”.

Per accedere all’incentivo le parti devono stipulare:

a) contratto a tempo indeterminato, anche in somministrazione;

b) contratto di apprendistato professionalizzante;

c) contratto a tempo determinato, anche in somministrazione, la cui durata sia almeno pari o superiore a 6 mesi.

Le agevolazioni saranno concesse nel limite massimo di € 8.060 per i contratti a tempo indeterminato o per l’apprendistato professioanlizzante mentre per i contratti a tempo determinato l’incentivo massimo sarà pari a € 4.030.

L’incentivo dovrà essere fruito, a pena di decadenza, entro il 28 febbraio 2019 e non è cumulabile con altri incentivi all’assunzione di natura economica o contributiva.

08mar 2017

REGIONE LAZIO: bando start-up e spin-off della ricerca

La Regione Lazio promuove la nascita di start-up innovative e spin-off della ricerca sul territorio mettendo a disposizione 4 mln di euro.

Possono partecipare tutte le star-up innovative con sede operativa nel Lazio.

Sono previsti contributi a fondo perduto a seconda della tipologia di attività dei beneficiari:

- start-up nate da spin-off della ricerca, il contributo va da € 10.000,00 a € 100.000,00;

- start-up innovative ad alta intensità di conoscenza, da € 10.000,00 a € 30.000,00.

08mar 2017

BONUS AL SUD: l'agevolazione è commisurata al costo complessivo dei beni acquistati

Introdotta un ulteriore novità nel meccanismo di computo del credito d'imposta concesso a fronte di nuovi investimenti nelle aree del Sud del Paese.

Il bonus è da calcolarsi sull'investimento lordo.

Il nuovo testo del comma 101 dell'art. unico della Finanziaria 2016 sottolinea che il bonus è commisurato esclusivamente al costo complessivo dei beni strumentali acquisiti.

03mar 2017

AREE DI CRISI: dal 4 aprile sarà possibile presentare le domande di accesso ai contributi

Destinati 124 mln di euro per i programmi di investimento delle imprese nelle aree di crisi industriale non complessa (legge n. 181/1989).

Potranno accedere alle agevolazioni le imprese di qualunque dimensione costituite sotto forma di società di capitali purchè presentino progetti che:

a) riguardino unità produttive ubicate nei territori dei Comuni ricadenti nelle aree di crisi industriale non complessa con impatto significativo sullo sviluppo dei territori interessati e sull’occupazione;

b) prevedano spese ammissibili complessive non inferiori a 1.500.000,00 euro;

c) saranno avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazioni;

d) saranno ultimati entro 36 mesi dalla data di delibera di concessione delle agevolazioni;

e) prevedere un programma occupazionale da realizzarsi entro 12 mesi dalla data di ultimazione del programma degli investimenti caratterizzato da un incremento degli addetti.

Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 4 aprile 2017 e fino a esaurimento fondi.

03mar 2017

ECO-IMPRESE: via al bonus

Stanziati 100 mln di euro a valere sull’Asse IV del Programma operativo nazionale «Imprese e competitività» 2014-2020 Fesr (azione 4.2.1.). Le risorse sono rivolte a sostenere iniziative imprenditoriali finalizzate alla salvaguardia dell’ambiente, a ridurre i consumi energetici e le emissioni di gas climalteranti.

Potranno acceder alle agevolazioni le imprese, di qualsiasi dimensione, ubicate nelle Regioni convergenza (Basilicata, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia) che realizzano programmi di sviluppo per la tutela ambientale che coinvolgono unità locali riferibili a settori economici qualificati a forte consumo di energia come:

- estrazione di minerali;

- produzione di grassi vegetali e animali;

- settore delle bevande;

- lavorazione del legno;

- fabbricazione di coke e di prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio;

- prodotti chimici;

- industria del vetro, cemento, calcestruzzo, calce e gesso;

- industria metallurgica;

- fabbricazione di mobili;

- fornitura di energia elettrica e gas;

- fornitura di acqua;

- attività di gestione rifiuti.

Le agevolazioni saranno erogate sotto forma di finanziamento agevolato, di contributo in conto interessi, contributo in conto impianti e contributo diretto alla spesa.

Le domande si potranno presentare a decorrere dal 26 aprile 2017.