NEWS

23set 2019

INNOVATION MANAGER: tutto pronto per il 27 settembre

Dal prossimo 27 settembre sarà possibile presentare domanda di iscrizione all’elenco degli innovation manager istituito dal Ministero dello Sviluppo Economico (Mise).

Si ricorda che, l’obiettivo dei voucher è favorire i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle Pmi e delle reti di impresa. I contributi potranno essere richiesti dalle imprese per acquistare prestazioni di consulenza, per un periodo di almeno nove mesi, da parte di manager iscritti in un apposito elenco del Mise, il cui accesso sarà aperto dalle 10 del 27 settembre fino alle 17 del 25 ottobre prossimo, attraverso la piattaforma informatica dedicata.

Prima sarà completato un elenco definitivo e poi, in una seconda fase, sarà aperta la richiesta di contributi. A disposizione c’è una dotazione finanziaria di 75 milioni di euro, divisa in parti uguali tra 2019, 2020, e 2021.

Potranno fare domanda di iscrizione all’elenco le persone in possesso di un dottorato di ricerca, di un master di secondo livello (con un anno di esperienza lavorativa), di una laurea magistrale (con tre anni di esperienza lavorativa) in queste aree: scienze matematiche e informatiche, scienze fisiche, scienze chimiche, scienze biologiche, ingegneria industriale e dell’informazione, scienze economiche e statistiche. Un’alternativa è avere svolto incarichi documentabili, per almeno sette anni, presso imprese negli ambiti di applicazione delle tecnologie abilitanti impresa 4.0.

Gli innovation manager sono, quindi, ingegneri, matematici, informatici, chimici, fisici o economisti che abbiano esperienza e formazione collegata alle tecnologie di industria 4.0. Si tratta di esperti in manifattura avanzata, integrazione elettronica dei dati e delle informazioni lungo le diverse fasi produttive, stampa 3D, condivisione elettronica con clienti e fornitori delle informazioni sullo stato della catena di distribuzione, realtà aumentata, robotica, gestione di dati su sistemi cloud, big data, digital marketing, prototipazione rapida, cyber security, internet delle cose e delle macchine.

20set 2019

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO: finanziamenti agevolati fino al 90%

E’ pronto il decreto ministeriale che rende attuative le novità del decreto legge “Crescita” per le nuove imprese a tasso zero.

L’incentivo è rivolto alle imprese composte in prevalenza da giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni o da donne di tutte le età, che aprono imprese su tutto il territorio nazionale.

Saranno ammesse le imprese costituite da meno di 60 mesi e verrà reso operativo l’innalzamento della percentuale di finanziamento per le imprese che hanno almeno 36 mesi di operatività, che avranno una copertura fino al 90% della spesa.

L’importo massimo delle spese ammissibili sarà pari a 3 milioni di euro per le imprese costituite da almeno 36 mesi e da non oltre 60 mesi. Inoltre verrà estesa la durata dei mutui agevolati concedibili per gli investimenti che passa dagli attuali 8 a 10 anni.

I soggetti interessati potranno presentare domanda attraverso la piattaforma informatica di Inivitalia.

20set 2019

FABBRICA INTELLIGENTE: 190 milioni di euro in arrivo

Nuove risorse saranno destinate a sostenere le attività di R&S in ambito industriale con un plafond pari a 190 milioni di euro, di cui 50 saranno destinati alle aree svantaggiate del paese dal Piano di azione e coesione 2007-2013.

Le risorse saranno dedicate a progetti di ricerca che riguarderanno queste aree tecnologiche:

- fabbrica intelligente,

- agrifood,

- scienze della vita e calcolo ad alte prestazioni.

Le agevolazioni saranno assegnate secondo una procedura valutativa negoziale per progetti con costi ammissibili compresi tra 5 e 40 milioni di euro.

I soggetti ammissibili saranno le imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria e i centri di ricerca. Per i progetti del settore applicativo “agrifood”, rientrano nel perimetro delle agevolazioni anche le imprese agricole.

Gli incentivi potranno essere concessi nella forma del contributo alla spesa e del finanziamento agevolato.

All’apertura dei termini per la presentazione delle domande e alla definizione dei modelli e dei criteri di valutazione dei progetti si provvederà con decreto direttoriale, in corso di adozione.

19set 2019

REGIONE MARCHE: nuovo bando dedicato alle PMI

La Regione Marche ha presentato il nuovo bando “Eventi sismici - Sostegno alla innovazione e aggregazione in filiere delle PMI culturali e creative, della manifattura e del turismo ai fini del miglioramento della competitività in ambito internazionale e dell’occupazione” che partirà il 30 settembre prossimo per chiudersi poi il 29 novembre. Il nuovo bando è volto a valorizzare i collegamenti settoriali e realizzare prodotti e servizi volti all’arricchimento, diversificazione, qualificazione dell’offerta turistico – culturale nonché alla capacità di innovazione anche non tecnologica del manifatturiero.

Le risorse finanziarie messe a disposizione ammontano a € 4.500.000,00.

Le attività possono riguardare produzioni di spettacolo dal vivo e performing arts, brevi clip aziendali nell’ambito del marketing e comunicazione d’impresa, del patrimonio culturale e dell’offerta turistica, produzioni audiovisive per il gioco e l’intrattenimento educativo, merchandising innovativo (3D) e di tradizione (recupero di tecniche e lavorazioni tradizionali), allestimenti show room e musei d’impresa a carattere innovativo/immersivo, pubblicità, grafica, design, prodotti per la rete, etc. Inoltre, attività di sviluppo di sistemi di digitalizzazione, restituzione in 3D e realtà aumentata e altri sistemi di messa in sicurezza, controllo, valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale.

L’importo delle spese ammissibili alle agevolazioni per la realizzazione dei progetti sono:

- per i progetti singoli minimo € 50.000,00 e massimo € 150.000,00

- per i progetti in rete minimo € 150.000,00 e massimo € 400.000,00.

Gli interventi dovranno essere realizzati nei Comuni del cratere sismico o limitrofi e in particolare potranno riguardare:

- progetti aziendali di innovazione organizzativa e gestionale delle imprese operanti a vario titolo nell’ambito culturale e creativo;

- progetti di sviluppo di processi, prodotti e servizi innovativi da parte delle imprese culturali e creative in forma singola o in rete anche con le altre filiere produttive del territorio.

16set 2019

INNOVATION MANAGER: caratteristiche principali

Dal prossimo 27 settembre 2019 e fino al 25 ottobre 2019 sarà possibile presentare domanda di iscrizione nell’apposito elenco Mise degli “Innovation managers”.

L’incentivo consiste in un contributo a fondo perduto sottoforma di voucher (in de minimis) volto a sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle PMI e delle reti d’impresa.

I contributi sono erogati a favore di un beneficiario per l’acquisizione di servizi di consulenza resi, in specifici ambiti, da un manager qualificato (innovation manager) iscritto nell’elenco istituito dal Mise.

Il contributo spetta per i periodi d’imposta 2019 e 2020, con limite di ammissibilità di una sola domanda di contributo per ciascuna impresa o rete d’impresa lungo tutta la durata dell’agevolazione, in misura variabile in funzione della dimensione d’impresa.

L’agevolazione va da un minimo di € 25.000,00 per la media impresa fino ad arrivare a € 80.000,00 in caso di reti d’impresa.