NEWS

22dic 2017

VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE: approvato l’elenco dei temporary export manager (TEM)

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato l’elenco delle società di temporary export manager (TEM) a valere sulla misura agevolativa “voucher per l’internazionalizzazione 2017”.

Si ricorda che l’agevolazione prevede un contributo a fondo perduto sotto forma di voucher, in favore delle PMI che intendono avvalersi di una figura specializzata capace di studiare, progettare e gestire i processi e i programmi sui mercati esteri.

22dic 2017

MISE: stanziati altri 450 milioni di euro per progetti di R&S

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha chiarito, con un decreto direttoriale, che a partire dall’8 gennaio 2018 gli interventi agevolativi Agenda digitale e Industria sostenibile saranno di nuovo ai nastri di partenza. Si tratta degli interventi in favore dei grandi progetti di ricerca e sviluppo nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione elettroniche e per l’attuazione dell’Agenda digitale italiana e nell’ambito di specifiche tematiche rilevanti per l’industria sostenibile.

Con lo stesso decreto è stata inoltre introdotta un’importante modifica nelle misure di aiuto rispetto agli interventi fin qui attuati: il contributo alla spesa viene elevato al 20% dei costi agevolabili (rispetto al 10% per le grandi imprese e al 15% per le piccole e medie imprese), mentre il finanziamento agevolato viene fissato nella misura compresa tra il 50% e il 60% per le grandi imprese e tra il 50% e il 70% per le piccole e medie imprese (finora era compreso tra il 50% e il 70% per tutte le imprese). Il tasso d’interesse resta pari al 20% di quello di riferimento, con un minimo dello 0,8%. Le modifiche saranno applicate alle nuove domande di Agenda digitale e Industria sostenibile, che, come indicato nel decreto, potranno essere presentate a partire dall’8 gennaio 2018.

22dic 2017

CREDITO D’IMPOSTA PER LA FORMAZIONE: agevolazione al 40%

Riconosciuto un credito d’imposta per la formazione in ottica 4.0, l’agevolazione pari al 40% dovrebbe spettare, non sul costo del corso innovativo, ma solo sul «costo aziendale del personale dipendente» che seguirà le lezioni 4.0, a meno che il decreto attuativo, che dovrà essere emanato entro il 31 marzo 2018 non estenda il bonus anche al costo della formazione vera e propria.

L’incentivo è rivolto solo alle imprese, indipendentemente dalla loro forma giuridica e dal regime contabili adottato. Pertanto restano esclusi dalla rosa dei beneficiari i professionisti.

L’agevolazione consiste in un credito d’imposta (bonus massimo di € 300.000,00) pari al 40% al costo aziendale del personale dipendente (retribuzione e contributi a carico del datore), che sarà sostenuto durante le lezioni 4.0 «effettuate» nel 2018. La norma impone che queste attività di formazione siano «pattuite attraverso contratti collettivi aziendali o territoriali».

Si applicherà il consueto principio di competenza delle imprese, il quale non impone il pagamento delle retribuzioni entro il 12 gennaio 2019. Il costo del personale dipendente in capo all’impresa, invece, si deduce (quindi, si considera sostenuto fiscalmente), solo in base al criterio di competenza, indipendentemente dal pagamento, purché il relativo importo sia certo e determinabile ai sensi dell’articolo 109 del Tuir.

22dic 2017

INCENTIVI INDUSTRIA 4.0: bonus investimenti anche per il 2018

La legge di bilancio conferma la proroga dell’iper ammortamento al 250% per gli investimenti effettuati nel 2018. Va al 2018 anche il super ammortamento, ma si riduce il beneficio dal 140% al 130% e vengono esclusi i veicoli indicati nell’articolo 164 del Tuir. Prevista anche la possibilità di sfruttare fino alla fine il bonus in caso di sostituzione dei beni 4.0 prima dell’ultimazione dell’ammortamento. Ampliato il bonus 40% per investimenti in software da parte di imprese che acquistano beni iper ammortizzabili.

Le imprese che stanno effettuando investimenti iper ammortizzabili avranno più tempo a disposizione, potendo contare su tutto il 2018 oltre che su una coda sino al 31 dicembre anno successivo per ordini e acconti del 20% erogati entro la fine del prossimo esercizio. Le regole restano inalterate rispetto a quelle attuali, trattandosi sostanzialmente di un allungamento del periodo agevolato senza soluzione di continuità rispetto a quello attuale.

Per il super ammortamento, a fine 2017 (con coda al 30 giugno 2018 per ordini e acconti al 20% entro il 31 dicembre) si chiude invece l’attuale incentivo e se ne apre uno (parzialmente) nuovo per il 2018 (con la solita coda a giugno 2019): maggiorazione al 30% e senza considerare autovetture altri mezzi dell’articolo 164.

21dic 2017

BANDO ISI DELL’INAIL: risorse per circa 249 milioni di euro

Il bando Isi 2017 mette a disposizione risorse per € 249.406.358 per finanziare progetti di miglioramento della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Sei le tipologie di programmi ammessi e un iter operativo che prenderà via il 19 aprile 2018, quando sarà possibile pre-caricare le domande.

Le tipologie di progetto finanziabili sono:

1) Progetti di investimento (Asse 1);

2) Progetti modelli organizzativi e responsabilità sociale (Asse 1);

3) Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (Asse 2);

4) Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (Asse 3);

5) Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (Asse 4);

6) Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria di prodotti agricoli (Asse 5).

Obiettivo del bando è di incentivare le imprese, attraverso la concessione di un finanziamento a fondo perduto, a realizzare progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ammissibili al netto dell’Iva nelle seguenti misure:

- 65% per gli Assi 1, 2, 3 e 4;

- 40% per l’Asse 5.

I contributi saranno assegnati con la modalità del click day e fino a esaurimento fondi.