NEWS

22feb 2022

SETTORE DEL WEDDING: in arrivo aiuti per l’anno 2021

Pubblicato in G.U. il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico recante criteri e modalità per l'erogazione di contributi alle imprese operanti nei settori del «wedding», dell'intrattenimento e dell'organizzazione di cerimonie e dell'Hotellerie-Restaurant-Catering.

Le risorse disponibili ammontano a euro 60.000.000,00 per l'anno 2021.

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese operanti nei settori del «wedding», dell'intrattenimento, dell'organizzazione di feste e cerimonie e del settore dell'HO.RE.CA., che si trovano in entrambe le seguenti condizioni:

a) nell'anno 2020, hanno subito una riduzione del fatturato non inferiore al 30 (trenta) per cento rispetto al fatturato del 2019;

b) hanno registrato, nel periodo d'imposta 2020, un peggioramento del risultato economico d'esercizio in misura pari o superiore alla percentuale definita con il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze adottato ai sensi dell'art. 1, comma 19, del decreto-legge 25 maggio 2021.

Le modalità di effettuazione dell'istanza, il suo contenuto informativo, i termini di presentazione della stessa e ogni altro elemento necessario all'attuazione del presente intervento saranno definiti con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate, da adottare entro sessanta giorni dalla pubblicazione del presente decreto.

22feb 2022

CONTRIBUTI PER IL TURISMO: pubblicati gli allegati da presentare

Pubblicati sul sito di Invitalia gli allegati, a corredo della domanda, di richiesta per i contributi e/o finanziamenti che le imprese turistiche potranno presentare dalle ore 12 del 28 febbraio alle ore 17 del 30 marzo 2022.

La domanda riguarderà l’aiuto «combinato» (articolo 1 del Dl 152/2021) sotto forma di un credito di imposta nella misura dell’80% delle spese ammissibili e/o un contributo a fondo perduto fino al 50% e/o un finanziamento a tasso agevolato.

Si ricorda che le domande saranno esaminate in ordine cronologico di presentazione.

21feb 2022

CREDITO D’IMPOSTA IMBALLAGGI: domanda a partire da oggi 21 febbraio

Da oggi, 21 febbraio, e fino al 22 aprile 2022 le imprese che, nel 2019 e 2020, hanno acquistato imballaggi e prodotti riciclati possono presentare domanda per il riconoscimento del credito d’imposta previsto dalla legge di Bilancio 2019, pari al 36% della spesa sostenuta, fino ad un massimo annuale di 20.000 euro per ciascun beneficiario.

Possono presentare domanda tutte le imprese che hanno acquistato:

1) prodotti finiti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi in plastica;

2) imballaggi primari e secondari biodegradabili e compostabili secondo la normativa UNI EN 13432:2002;

3) imballaggi primari e secondari derivati dalla raccolta differenziata della carta (il contenuto di materiale riciclato deve essere uguale o maggiore al 70%);

4) imballaggi primari e secondari derivanti dalla raccolta differenziata dell'alluminio (il contenuto di materiale riciclato deve essere uguale o maggiore al 50%).

L’istanza dovrà essere presentata esclusivamente in formato elettronico attraverso la piattaforma informatica Invitalia PA Digitale. Alla domanda deve essere allegata l’attestazione sull’effettivo sostenimento delle spese e le attestazioni requisiti tecnici dei beni acquistati. Ecco quanto serve sapere per non sbagliare.

17feb 2022

IMPRESE TURISTICHE E AGENZIA VIAGGIO: domande dal 28 febbraio 2022

Il Ministero del Turismo ha comunicato le tempistiche per la presentazione delle domande di accesso al credito d’imposta e al contributo a fondo perduto a favore delle imprese turistiche e al bonus digitalizzazione per agenzie di viaggio e tour operator.

Per il credito d’imposta e al contributo a fondo perduto a favore delle imprese turistiche le istanze potranno essere trasmesse a partire dal 28 febbraio 2022, mentre per il bonus digitalizzazione per agenzie e tour operator a partire dal 4 marzo 2022. Ogni impresa potrà presentare una sola domanda di agevolazione per una sola struttura oggetto di intervento.

Si ricorda che possono beneficiare del credito d’imposta e del contributo a fondo perduto gli alberghi, gli agriturismi, le strutture ricettive all'aria aperta e le imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici, i parchi tematici, inclusi i parchi acquatici e faunistici.

15feb 2022

R&S: pubblicato in G.U. il decreto che ridefinisce le procedure di concessione

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che ridefinisce le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni previste in favore di progetti di ricerca e sviluppo, realizzati nell'ambito di accordi per l'innovazione, di rilevante impatto tecnologico e in grado di favorire percorsi di innovazione coerenti con gli obiettivi di sviluppo fissati dall'Unione europea.

Gli accordi devono essere mirati all'accrescimento della competitività tecnologica di specifici settori, comparti economici ovvero determinati ambiti territoriali, anche al fine di salvaguardare i livelli occupazionali e accrescere la presenza delle imprese estere nel territorio nazionale.

Possono beneficiare delle agevolazioni i seguenti soggetti:

a) le imprese che esercitano le attività di cui all'art. 2195 del c.c., numeri 1) e 3), ivi comprese le imprese artigiane di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443;

b) le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale;

c) le imprese che esercitano le attività ausiliarie di cui al numero 5) dell'art. 2195 del c.c., in favore delle imprese di cui alle lettere a) e b);

d) i centri di ricerca.

I soggetti possono presentare progetti anche congiuntamente tra loro. I progetti presentati devono prevedere la realizzazione di attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, strettamente connesse tra di loro in relazione all'obiettivo previsto dal progetto, finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali, nell'ambito di specifiche aree di intervento riconducibili al secondo pilastro del Programma «Orizzonte Europa».

Il Ministero, con provvedimenti del direttore generale per gli incentivi alle imprese, procederà a definire le modalità e i termini di apertura di ciascuno degli sportelli per la presentazione delle domande di agevolazioni.